Collocati sotto ai solai, i controsoffitti in legno si rivelano utili per abbassare i soffitti, ospitare gli impianti, nascondere le travi. Sono caldamente consigliati nelle baite di montagne e case di campagna, ma anche nei centri urbani garantiscono un piacevole impatto visivo e comfort termoacustico. 

Le strutture presentano talvolta un’orditura portante in ferro, montabile nell’intradosso di un soffitto con finalità esclusivamente estetiche. Poiché prevalentemente formate da legno, il design è altamente riconoscibile, e non solo. Difatti:

  • aumentano la coibenza termoacustica del tetto
  • nascondono l’eventuale passaggio di cavi, fili elettrici, tubi, canalizzazione per impianti di condizionamento, ecc.
  • riducono, i problemi di umidità del solaio (se presenti)
  • incassano sistemi integrati di illuminazione e faretti (se presenti)

 

Elementi in legno 

 

Fissati all’orditura, gli elementi in legno riempiono gli spazi vuoti. Nel momento di acquistarli in legno massello, bisogna conoscere e apprezzare i pregi ma soprattutto i difetti. La qualità principale consiste nella sua bellezza unica. I piani hanno differenti spessori e sono composti da fasce di legno massiccio, incollate tra loro così da ottenere una maggiore tenuta. 

In linea di massima i “difetti” sono la pesantezza e la presenza di impurità come nodi o piccole crepe. Comunque restano “vivi” e tenderanno a muoversi o fessurarsi nel tempo pure se opportunamente stagionati. Il relativo costo aumenta del 40/50% rispetto ad un piano impiallacciato. L’impiallacciatura è un’operazione eseguita dai falegnami che consiste nel ricoprire un pannello o un legname non pregiato con un tranciato molto sottile di legno detto piallaccio. 

Leggi anche l’articolo che parla degli errori nella verniciatura

 

Tipologie di controsoffitti in legno

 

In base al tipo di elementi lignei di cui si compongono, i controsoffitti in legno possono essere suddivisi in: 

A cassettoni

False travi incorniciano una sorta di controsoffitti con pannelli ad incasso. Migliorano le proprietà fonoassorbenti e consentono di adottare soluzioni d’arredo alquanto eleganti.  

A pannelli

I pannelli “classici” hanno solitamente forma rettangolare con dimensioni e spessore variabile. Molteplici sono le essenze e le finiture, anche se dipendono naturalmente dal listino dell’azienda produttrice. Interi o no, talvolta la traforatura realizza effetti di notevole valore estetico. 

Perlinato

In tal caso ci sono perline, ovvero tavole in legno, con incastri maschio e femmina sui lati. Anche le essenze e le finiture possono variare parecchio.

A doghe

Si installano delle doghe, affiancate in modo continuo o alternate a spazi vuoti. 

 

Orditura metallica

 

L’orditura metallica è una struttura metallica sospesa/agganciata al soffitto o alle pareti su cui servirà montare gli elementi/le lastre in legno formanti la chiusura. Esistono varie tipologie in circolazione e precisamente:

 

  • Sospesa: l’orditura metallica è sospesa al telaio mediante differenti sistemi
  • In aderenza: la struttura è direttamente fissata al solaio con ganci idonei alla funzione
  • Autoportante: in tale circostanza l’impianto, anziché al solaio, è integrato alle pareti perimetrali e la parte in legno non è installabile sotto di essa ma al disopra

 

Vantaggi controsoffitti in legno

 

Se pensi di ricorrere ai controsoffitti in legno, senza dubbio avrai tanti benefici. Ecco 6 buone ragioni per cui avvalersene in una stanza:

Assorbimento acustico: l’installazione di controsoffitti in legno offre grandi vantaggi acustici perché dà la possibilità di utilizzare pannelli fonoassorbenti. Questi sono ideali per controllare il riverbero in ambiente in modo efficace e discreto.

Nascondere i cavi: uno dei principali motivi per cui si utilizzano è che permettono di nascondere cavi e tubi (elettriche, fibre, condizionamento termico, ecc.).

Rimovibilità: un altro pro è la facile rimovibilità o smontabilità per un pronto accesso a qualsiasi cavo o dispositivo situato all’interno, necessitante di riparazioni. In aggiunta, la sostituzione dei pannelli danneggiati è rapida.

Ampia varietà di finiture: i marchi leader nel mercato propongono un vasto catalogo con numerose opzioni e combinazioni in melaminico, legno verniciato naturale, lacche, laminati CPL, HPL, ecc.

Resistenza agli urti, al fuoco e all’umidità: massima la resistenza all’usura e poi, a seconda delle esigenze di ogni progetto, i controsoffitti in legno possono essere realizzati anche con materiali dalle specifiche caratteristiche di reazione al fuoco e all’umidità.

Risparmio energetico: abbassando il soffitto di un locale si riduce la quantità di metri cubi di aria condizionata necessaria, mentre l’intercapedine assicura isolamento termico e acustico.

 

Conclusioni:

 

Giunti fino a questo punto, avrai sicuramente le idee più chiare. Diversamente da ciò che qualcuno poco informato in materia vi racconterà, valutare i controsoffitti in legno richiede pazienza. Tanti sono i fattori da porre in analisi, ciascuno meritevole di essere considerato. Sia per la tipologia del legno, massiccio o impiallacciato, sia per l’orditura metallica c’è l’abbondanza della scelta. Da che mondo è mondo la ricchezza di proposte in commercio è utile ad accontentare diverse clientele. Meglio prenderne atto, così da poter poi affidare la verniciatura a uno staff qualificato.

Il portale dell’imbianchino e presente a:

Milano

Roma

Torino

Napoli