errori verniciatura pennello
errori verniciatura pennello

Consigli ed errori che spiegano come fare una verniciatura

Stai cercando informazioni su come fare una verniciatura perfetta? Questo articolo spiega passo a passo i principali consigli ed errori che possono fare la differenza quando stai verniciando!

Durante le fasi della verniciatura a pennello, inconsapevolmente si commettono una serie di errori che possono compromettere il risultato finale.

Vi siete mai chiesti quali possono essere le cause?

Oggi vogliamo parlarvi della verniciatura, e di come cercare di migliorarla!

 

 

Dettaglio di un pennello troppo carico di vernice

 

 

 

Partiamo con elencare i 6 consigli:

 

1. Fare una buona preparazione delle superfici da verniciare e un’azione fondamentale! Non trascurare fattori importanti come la carteggiatura e la pulizia.

2. Iniziare sempre dalle parti difficili da raggiungere! Ti consentirà di non dimenticare nessuna zona. Inoltre ti farà risparmiare parecchio tempo.

3. Lavare i pennelli nuovi con acqua e sapone è un toccasana per la setola! Servirà ad ammorbidire le setole del pennello e a non perdere i peli durante la verniciatura.

4. Fare un test preliminare può aiutarti in caso di difficoltà! Eseguire dei test preliminari può servire a comprendere con anticipo le problematiche.

5. Non leggere le schede tecniche dei prodotti è come usare l’auto senza conoscere il codice stradale!

6. Utilizzare i pennelli con la setola giusta vi aiuterà a stendere meglio il prodotto!

 

 

Dettaglio di una pennellata scarica di prodotto

 

 

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

  1. Come rimuovere la carta da parati
  2. Come fare una parete in cartongesso
  3. Come rimuovere le macchie da infiltrazione d’acqua

 

Adesso elenchiamo i 5 classici errori:

 

1. Mettere troppa o troppa poca vernice.

2. Diluire nel modo sbagliato il prodotto.

3. Dimenticare di applicare il giusto fondo al supporto.

4. Interrompere le pennellate con conseguente gocciolatura.

5. Non seguire il giusto senso delle pennellate.

Impariamo a distinguere le setole del pennello:

 

In commercio si trovano tre tipologie di setola. Setole nere, setole bionde e setole sintetiche.

Possiamo sintetizzare che le setole nere servono per utilizzare gli smalti al solvente. Le setole bionde servono principalmente per le idropittura, mentre le setole sintetiche vengono utilizzare per gli smalti all’acqua.

 

Impariamo a distinguere le idropitture dagli smalti:

 

Le idropitture sono tutti quei prodotti che vengono confezionati con acqua, resina in dispersone acquosa, titanio, cariche ed additivi. Servono principalmente per dipingere le pareti. Generalmente vengono diluiti dal 20 al 30% con acqua.

Gli smalti ad acqua sono tutti gli smalti che si diluiscono con acqua. Sono confezionati con acqua, resina, titanio ed additivi che ne migliorano le prestazioni. Servono per verniciare un po’ tutti i supporti ad eccezione del ferro in esterno. Anche se nelle istruzioni è specificato che sono pronti all’uso si consiglia di diluirli leggermente con acqua.

Gli smalti sintetici o tradizionali sono tutti quei prodotti che vengono confezionali con resine sintetiche, titanio e speciali additivi. Servono per verniciare qualsiasi supporto sia in interno che in esterno. Di contro hanno un odore forte e sono più nocivi. In genere la diluizione è di circa il 5% con diluenti che variano a seconda del prodotto.

 

Le giuste temperature sono un fattore importante:

 

La temperatura è un fattore importante quando si vernicia. Pertanto è assolutamente sconsigliato verniciare quando la vernice è esposta direttamente al sole con temperature elevate. Quando è presente troppo vento o quando la temperatura non è compresa tra i +5 e i +30.

Gli smalti costano di più delle idropitture:

 

Precisando che sugli scaffali è possibile trovare differenze di prezzo anche sostanziali tra un produttore e l’altro. Possiamo comunque presupporre che un litro di idropittura lavabile costa mediamente euro 5,00 euro.

Lo smalto all’acqua costa mediamente euro 18,00 a litro, mentre lo smalto sintetico, lungo-olio o alchidico costa in media euro 16,00 al litro.

Acquistare sempre prodotti di Buona qualità è un’ulteriore garanzia:

 

Sembra un po’ strano specificare dove acquistare i prodotti; però gli smalti sono dei prodotti che potremmo definire un po’ “delicati”.

Il consiglio è quello di rivolgersi ad un colorificio specializzato di fiducia, in quanto tra uno smalto economico ed uno smalto di qualità superiore, la differenza è tanta!

 

2 curiosità sulla verniciatura:

 

Lo sai chi è stato il primo produttore di idropitture lavabili in Italia? Il primo produttore a proporre le idropitture lavabile è stata la Duco con il mitico Ducotone.

Lo sapevi che il Titanio è un pigmento? Il titanio è il pigmento di color bianco “per definizione”. Serve a donare copertura e punto di bianco ai prodotti vernicianti.

Adesso che siamo giunti al termine della lettura dell’articolo, ti basterà mettere in pratica questi consigli per iniziare a verniciare nel modo corretto.

 

Se hai ritenuto utile questo articolo. condividilo sui Social!

 

Se hai delle proposte alternative o dei dubbi commenta l’articolo nella sezione qui sotto.