struttura esterna
struttura esterna

Cartongesso per esterno: le caratteristiche

Il cartongesso è un materiale sempre più apprezzato ed utilizzato per la realizzazione di vari lavori inerenti all’edilizia leggera. Tutto ciò si deve ovviamente, alle sue caratteristiche che lo rendono un materiale molto versatile e capace di costituire un’ottima soluzione per le varie evenienze. L’ampia diffusione del cartongesso si deve, alla grande disponibilità di gesso minerale presente in natura e che è alla base di ogni applicazione in campo edile. Il cartongesso, date le sue caratteristiche e la sua versatilità, può essere applicato sia per interni che per esterni. Il cartongesso per esterno, per classificarsi come tale, deve essere in grado di resistere alle sollecitazioni degli agenti atmosferici, quindi deve riuscire a garantire la propria stabilità di fronte all’umidità o all’acqua.

E’ costituito da lastre cementizie in fibrocemento, una miscela di sabbia, cemento Portland e graniglia vulcanica sminuzzata, racchiusa tra due reti in fibra di vetro, a loro volta rivestite con cemento. Le lastre di cartongesso in fibrocemento per esterno vengono comunemente utilizzate per realizzare pareti perimetrali delle abitazioni o facciate ventilate. Il cartongesso per esterno è un prodotto che non vede modificate le caratteristiche tecniche in presenza di umidità o acqua, che non assorbe e non si gonfia. Presenta una buona resistenza agli urti e alla compressione, è ottimo per la decorazione degli ambienti esterni e garantisce una buona protezione dall’umidità delle pareti.

Il cartongesso da esterno consente inoltre un perfetto isolamento termico e acustico, e contribuisce ad impreziosire l’estetica dell’ambiente su cui viene applicato, sia perché può diventare lui stesso un materiale di rivestimento, sia perché può essere rivestito con altri materiali, come piastrelle, creando così un effetto “muratura”. La sua economicità, poi, lo rende un materiale particolarmente idoneo per qualsiasi tipo di intervento e alla portata di tutti i portafogli. In commercio lo si trova sotto forma di pannelli, con spessore dai 6 ai 12 cm circa, e prezzi a partire da 2-3 euro al mq. Inoltre è un prodotto facile da lavorare, basta un cutter per il taglio, come per il comune cartongesso.

 

Vantaggi del cartongesso da esterno

Si tratta di un prodotto economico, leggero, facile da trasportare, lavorare e posare, con una buona resistenza meccanica (alla compressione, flessione e carichi sospesi), resistente agli agenti atmosferici, all’acqua, all’umidità e al fuoco. Si presta facilmente alla veloce tecnica a secco delle costruzioni leggere, con ripercussioni positive sul costo della manodopera, semplificando quindi gli interventi di manutenzione e risanamento di murature vetuste.

 

Posa in opera

Per quanto riguarda il montaggio del cartongesso da esterno, bisogna tenere in considerazione che quest’ ultimo non va applicato singolarmente, ma necessita dell’applicazione di specifici profili metallici che fungeranno poi da “struttura”, o meglio “ da scheletro” della struttura. In un secondo momento, a questi profili, verranno fissati i pannelli, attraverso l’impiego di viti zincate autofilettanti. I giunti sfalsati, poi, verranno rifiniti con opportune malte coprigiunti. In conclusione, viene utilizzata la stessa tecnica di posa in opera e la stessa struttura portante prevista per il classico cartongesso, caratterizzata di montanti e giunti.