parete vetrocemento
parete vetrocemento

Realizzare una Parete in Vetrocemento potrà essere davvero un’ottima idea per ravvivare un ambiente un po’ buio e, allo stesso tempo, avere la possibilità di dividere alcune stanze in modo discreto e anche particolarmente decorativo. Infatti, i blocchi di vetrocemento consentono non solo di far filtrare la luce, ma anche di realizzare delle decorazioni assolutamente belle e adatte ad ogni tipo di casa.

Una parete in vetrocemento non avrà, ovviamente, una funzione di muro portante, in quanto il materiale sarà meno resistente rispetto ai mattoni o al vero e proprio cemento. Tuttavia, questo tipo di realizzazione sarà adatta sia alla parte interna sia a quella esterna dei diversi edifici. Spesso, infatti, si trovano mattoni in vetrocemento anche nei corridoi dei palazzi, oltre che all’interno delle case private.

Costruire una Parete in Vetrocemento

Per poter Costruire una Parete in Vetrocemento saranno, in primo luogo, necessari alcuni materiali.

Ci si dovrà procurare delle assi di legno da 5×5 che potranno costituire il telaio per la realizzazione successiva della parete stessa. Ovviamente, saranno poi necessari i mattoni di vetro, che dovranno essere acquistati in un quantitativo sufficiente a realizzare l’intera parete. Per fissare i mattoni sarà anche necessaria la malta a base di cemento, che potrà essere bianca a o grigia, a seconda delle proprie preferenze da un punto di vista estetico.

Oltre a questi materiali saranno anche necessari viti, tasselli e tondini, oltre agli attrezzi che si renderanno utili per mettere in pratica il procedimento di realizzazione della parete.

Per Costruire una Parete in Vetrocemento sarà fondamentale iniziare dalla realizzazione del telaio, che andrà fissato alla parete seguendo le guide che siano state costituite in precedenza. Si effettueranno, poi, i fori lungo il telaio e si inseriranno in essi i tondini che saranno utili a fissare il cemento e anche i mattoni. La malta cementizia andrà proprio preparata a questo punto e si potrà iniziare a disporre le diverse file di mattoni in vetrocemento.

Si porrà come base uno strato di malta, si appoggeranno i mattoni su di essa e si potrà continuare così fino al completamento della parete stessa. Anche gli spazi presenti tra i diversi mattoni andranno riempiti con l’apposita malta, e i mattoni in vetrocemento dovranno comunque essere ben pressati tra di loro, in modo da avere una parete resistente nel tempo.

Dopo aver completato la parete in vetrocemento sarà necessario eliminare la malta in eccesso, in modo che questa non si indurisca al di fuori degli spazi previsti. Si farà indurire la malta (che potrà impiegare per questo procedimento circa 24 ore) e si potrà poi passare ad utilizzare il silicone: con questo, infatti, si potranno riempire le fughe presenti tra i mattoni. Il silicone potrà essere scelto non solo bianco, ma anche di particolari colori, in modo da rendere ancora più personalizzata la propria parete in vetrocemento.

Ecco perché, spesso, oltre ai normali mattoni trasparenti o satinati, si potranno trovare anche mattoni colorati, in grado di ravvivare anche l’ambiente più spoglio, sia in casa sia fuori.

Condividi
Articolo precedenteModulo Unico Edilizia, l’aggiornamento delle Regioni
Articolo successivoCappotto termico: cos’è e ha cosa serve
Sicula doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari. Gli vengono riconosciute capacità intuitive