Hai un ufficio o una casa e ti serve assolutamente una impresa di pulizie a Milano?. Una formata da professionisti effettivamente in grado di svolgere la prestazione richiesta. Dove le risorse umane costituiscono un valore aggiunto, in possesso delle competenze teoriche e pratiche necessarie. Temi di prendere una decisione affrettata e poi di pentirtene. Esperienze spiacevoli in passato o semplice (e sana!) prudenza ti insegnano a tenere gli occhi ben aperti. Se abiti nella provincia di Milano, puoi rivolgerti all’impresa di pulizie Help di Milano.

Alla pari di qualunque altro settore, anche qui esiste ogni tipo di compagnia. Di qualità, seria e che opera in conformità alla legge oppure poco zelante e non in linea con la normativa. Se ti interessa unicamente risparmiare, mentre sulla qualità sei disposto ad accettare compromessi, ci tocca avvisarti. Non si fa così. Non c’entra la questione etica (non solo, almeno). Difatti, nel caso in cui contatterai uno staff sprovvisto dell’abilitazione, andrai incontro a sonore stangate… economiche. 

 

Cos’è l’impresa di pulizia per il decreto Ministeriale industria n. 274 del 1997

Una impresa di pulizie, in forma individuale oppure societaria, che esercita la professione, deve aver ottenuto preliminarmente il nulla osta. A tal proposito l’art. 1, comma 1 del DM Industria 274/1997 effettua la seguente distinzione:

  • “pulizia – complesso di procedimenti e operazioni atti a rimuovere polveri, materiale non desiderato o sporcizia da superfici, oggetti, ambienti confinati ed aree di pertinenza
  • disinfezione – complesso di procedimenti e operazioni atti a rendere sani determinati ambienti confinati e aree di pertinenza mediante la distruzione o inattivazione di microrganismi patogeni
  • disinfestazione – complesso di procedimenti e operazioni atti a distruggere piccoli animali, in particolare artropodi, sia perché parassiti, vettori o riserve di agenti infettivi sia perché molesti e specie vegetali non desiderate
  • derattizzazione – complessi di procedimenti e operazioni di disinfestazione atti a determinare o la distruzione completa oppure la riduzione del numero della popolazione di ratti o dei topi al di sotto di una certa soglia
  • sanificazione – complesso di procedimenti e operazioni atti a rendere sani determinati ambienti mediante la pulizia e/o la disinfezione e/o la disinfestazione ovvero mediante il controllo e il miglioramento delle condizioni del microclima per quanto riguarda la temperatura, l’umidità e la ventilazione ovvero per quanto riguarda l’illuminazione e il rumore”

In base alle mansioni svolte, ciascuna impresa di pulizie può ricevere l’autorizzazione per uno o più dei servizi sopra richiamati. 

Iscrizione nel registro delle ditte

La disposizione va a integrare quanto indicato in precedenza dall’art. 1, comma 1 della legge n. 82 del 1994: 

“Le imprese che svolgono attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione o di sanificazione, di seguito denominate “imprese di pulizia”, sono iscritte nel registro delle ditte di cui al testo unico approvato con regio decreto 20 settembre 1934, n. 2011, e successive modificazioni, o nell’albo provinciale delle imprese artigiane di cui all’articolo 5 della legge 8 agosto 1985, n. 443, qualora presentino i requisiti previsti dalla presente legge”.

Sanzioni e la pena di nullità

La legge n. 82/94 stabilisce, all’articolo 6, delle sanzioni per chi sottoscrive accordi con un’impresa di pulizie non in regola. 

A chiunque stipuli contratti per lo svolgimento di attività di cui alla presente legge, o comunque si avvalga di tali attività a titolo oneroso, con imprese di pulizia non iscritte o cancellate dal registro delle ditte o dall’albo provinciale delle imprese artigiane, o la cui iscrizione sia stata sospesa, si applica la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da lire 1.000.000 a lire 2.000.000 (da € 516,45 a € 1.032,91, ndr)”. 

A prescindere dalla forma, qualsiasi documento siglato non ha valore, ovvero è da ritenersi nullo: “I contratti stipulati con imprese di pulizia non iscritte o cancellate dal registro delle ditte o dall’albo provinciale delle imprese artigiane, o la cui iscrizione sia stata sospesa, sono nulli”.

Impresa di pulizie: perché conviene

Alla luce di quanto ti abbiamo detto, ormai lo sai che contattare una squadra di professionisti conviene. Lo dice la legge, ma lo dice anche il buon senso. Grazie agli anni spesi nel settore, il personale addetto conoscerà tutti i “segreti” del mestiere; compresi i migliori prodotti in circolazione. In vendita è oggi disponibile un’ampia gamma ed assumere la decisione migliore risulta talvolta complicato. 

Infine, se chiami l’impresa di pulizie in seguito alla costruzione o ristrutturazione di un immobile sappi un’altra cosa. I materiali di scarto non si gettano nell’immondizia. Avvalendoti di una ditta, le potrai affidare il compito di portarli in centri raccolta appositi, dove saranno smistati. Tra chi ti dirà “grazie” ci sarà anche l’ambiente…