Rifiuti speciali

Rifiuti speciali, la produzione nazionale è aumentata di quasi il 3% rispetto al 2016 in tutto il territorio italiano. Si tratta purtroppo di dati preoccupanti nonostante siano rimasti più o meno bassi o comunque nella media.

Rifiuti speciali, nonostante le varie alternative il problema continua ad allarmare

Il problema dei rifiuti speciali, e non, in Italia è sempre stato un grosso problema. In questi ultimi anni, nonostante si sia cercato di trovare delle alternative, il problema si è affermato piuttosto che risolto.

Secondo i dati registrati ad ogni modo, si sfiorano adesso i 140 milioni di tonnellate di spazzatura tra l’altro in crescita. Di questi 149 milioni di tonnellate stiamo parlando in particolar modo dei rifiuti non pericolosi che sono aumentati del 3,1 %.

E poi ancora di rifiuti pericolosi la cui percentuale è corrispondente allo 0,6% ovvero 60.000 tonnellate, una cifra che comunque rimane stabile, o almeno così sembra. I rifiuti metallici invece sono i aumeno e ad oggi occupano la percentuale del 96%.

Si tratta ovviamente di un quadro di informazioni oggettivo aggiornato costantemente che da una parte preoccupa e dall’altra dà speranza di miglioramento. Tutto questo soprattutto per quanto riguarda i rifiuti che si possono riciclare. Gli impianti di gestione dei rifiuti speciali oggi operativi al nord sono 11209, al centro 2165, mentre al Sud 2629.

Condividi
Articolo precedenteEdilizia scolastica iniziate le verifiche sulle strutture
Articolo successivoRistrutturazione, bonus anche in comodato d’uso?
Sicula doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari. Gli vengono riconosciute capacità intuitive