Smart city

Smart city, arrivano importanti novità per rimodellare le città ed i territori con cambiamenti di gestione di qualunque tipo.

Le cose stanno per cambiare sia per quanto riguarda le infrastrutture sia per i servizi pubblici strategici.

Smart city: risparmi di mezzo milione annuo

In questo modo avverranno risparmi di quasi mezzo miliardo di euro per l’illuminazione di tutti i comuni italiani. Ottenere il  passaggio alla smart city sarà possibile soltanto attraverso una piattaforma digitale che si chiama PELL, che raccoglie i dati, esegue diagnostica di problemi e consumi energetici, analizza le prestazioni degli impianti della pubblica illuminazione.

Con il monitoraggio continuo della piattaforma si potrà gestire qualunque consumo e qualunque spesa di illuminazione pubblica spendendo soltanto un miliardo di euro l’anno. A primo impatto il risparmio di mezzo milione potrebbe sembrare inutile, in realtà è una grossa cifra.

L’Italia pronta a importanti cambiamenti di gestione e non soltanto

L’Italia arretra costantemente perchè i servizi di illuminazione non sono più adatti alla modernità e comportano soltanto grosse spese. Smart city, questo è l’obiettivo finale che in qualche modo bisognerà raggiungere.

La riqualificazione avverrà attraverso gli interventi di efficienza come la sostituzione di tecnologia illuminanti. Il tutto anche grazie ad una costante collaborazione e valutazione tra gli Stake holder di settore e la piattaforma PELL. Le potenzialità ci sono, basta semplicemente metterle in atto.

Condividi
Articolo precedenteAbusi edilizi, per la demolizione adesso basta poco
Articolo successivoRecupero edilizia residenziale pubblica: la Liguria è prima in Italia
Sicula doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari. Gli vengono riconosciute capacità intuitive