Bonus mobili

Bonus mobili utilizzabile per l’acquisto di una lavasciuga biancheria appartenente alla classe energetica A. E’ arrivata adesso la risposta dell’Agenzia delle Entrate, che ha confermato. Si può acquistare usufruendo del bonus ma tutto dipende da una serie di fattori.

Il primo fattore importante è la classe di efficienza energetica dell’elettrodomestico.

Bonus mobili ecco come ottenerlo

L’Agenzia delle Entrate ha spiegato ai contribuenti che si può fare uso della detrazione per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici soltanto se appartenenti alla classe energetica non inferiore “A+” o superiore. La stessa cosa vale anche per i forni che devono essere di classe “A” o superiore.

Per ottenere la detrazione, gli elettrodomestici devono avere l’etichetta energetica.

Nel caso specifico della lavasciuga il bonus mobili ha delle opzioni inderogabili che però non sono ancora state presentate.

Sappiamo ad ogni modo che anche in questo caso, le classi di efficienza energetica per le lavasciugavanno da A a G. Ovviamente ogni classe energetica corrisponde ad un consume elevato o minore di energia elettrica.

Quindi l’etichetta dovrà riportare la dicitura: classe energetica A per avere la massima efficienza energetica.

Essendo che al momento le regole del bonus mobili per quanto riguarda la lavasciuga non sono abbatsanza esaustive ci si deve necessariamente rifare alle norme dell’Agenzia delle Entrate. Ciò vuol dire che l’acquisto di una lavasciuga in classe A è agevolabile.