Enea

Enea, il nuovo portale Audit 102 è stato sviluppato ed attivato per il supporto di tutte le imprese per lo svolgimento della diagnosi energetica. Il portale era stato presentato qualche giorno fa, l’11 luglio. E’ stato spiegato il suo ruolo, gli obiettivi, cosa sarà possibile fare da adesso in poi mediante esso.

Il portale Enea dovrebbe rendere molto più semplice l’inserimento del rapporto diagnosi-documentazione. Maggiore attenzione è stata e sarà rivolta al ruolo delle imprese e dei consulenti che lavorano con responsabilità e mantengono la massima riservatezza.

Enea, diagnosi energetica: collaborazione Audit-Enea

Il portale Audit ha subito un bel rinnovo, l’edizione del 2015 è migliorata per permettere oggi alle imprese di rispondere bene a tutti gli obblighi. Adesso sarà possibile inviare i dati in modo semplice e veloce. Successivamente il portale Enea riceverà il materiale e potrà dare inizio ai controlli.

Ecco gli obblighi delle aziende

Tra le novità troviamo anche l’inserimento di tanti obblighi aziendali. Bisognerà effettuare delle diagnosi energetiche, tenendo in considerazione diversi aspetti. Il tutto in tempi rapidi e ragionevoli.

Tutte quelle aziende che non saranno in grado di rispettare gli obblighi saranno punite con multe che vanno da 4 mila a 40 mila euro. Se invece si tratta di diagnosi non conformi alle normative il rischio è di ricevere sanzioni da 2 mila a 20 mila euro.

Al momento l’Italia si colloca al top della classifica dell’Unione Europea dei Paesi più virtuosi nell’attuazione delle direttive. Tra il 2015 ed il 2018 per esempio sono state inviate circa 16.105 diagnosi energetiche da parte di 8.871 aziende.