Edilizia sociale

Edilizia sociale, si fanno i primi passi avanti per il programma di edilizia residenziale sociale, questo quanto deciso con la Conferenza Unificata. Quest’ultima ha dato il via libera al decreto del Mit con la ripartizione di 250 milioni di Euro.

Questi soldi andranno destinati ad interventi di rigenerazione e riorganizzazione urbana utilissimi per migliorare l’offerta di edilizia sociale.

Edilizia sociale, un programma interessante per la crescita del territorio

Edilizia sociale, rigenerazione, riorganizzazione urbana, interventi di messa in sicurezza di edifici che necessitano interventi di adeguamento, miglioramento sismico ed efficientamento impiantistico.

Il programma ha lo scopo di ridurre il consumo di suolo, bisogna solamente innescare processi rigenerativi, che potranno interessare le nuove costruzioni.

Edilizia sociale, ecco come proseguirà il progetto

La ripartizione dei 250 milioni è stata spiegata attraverso il decreto pubblicato dal Mit. La prima regione sarà la Lombardia con quasi 48 milioni di euro, seguita dalla Sicilia con 22 milioni, dal Lazio con 21,8 milioni e dalla Campania con 21,4 milioni. A seguire il Piemonte con quasi 21 milioni di euro e l’Emilia Romagna con 20,8 milioni.

Adesso toccherà alle Regioni che dovranno individuare tutti i comuni che hanno il diritto di  presentare le proposte di intervento. Come? Lo faranno attraverso degli indicatori coerenti con la programmazione regionale dell’edilizia residenziale sociale.

Un secondo depreto del Mit poi chiuderà il cerchio con l’approvazione dell’elenco dei comuni ammessi al finanziamento. In questo modo il progetto, il programma in sè saranno portati a compimento.

Condividi
Articolo precedenteAccertamenti fiscali onere prova: su chi grava?
Articolo successivoPiano Casa Sardegna proroga 31 dicembre 2019
Sicula doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari. Gli vengono riconosciute capacità intuitive