Sblocca cantieri

Sblocca cantieri, nonostante l’arrivo della legge continuano ad esserci grossi dubbi sugli interventi prioritari e sulla nomina dei Commissari straordinari. Il conto alla rovescia è partito ma i conti non tornano e adesso bisognerà trovare una soluzione veloce che non conceda intoppi. Le opere prioritarie da mettere in discussione quali saranno?

In merito al discorso stanno già circolando diverse ipotesi ma non si ha alcuna certezza.

Opere prioritarie, notizie ufficiali e decreti entro i prossimi 180 giorni

Lo Sblocca cantieri riceverà a breve uno scossone, durante la discussione alla Camera, la deputata si è parlato della situazione. Si è arrivati alla conclusione che non c’è mai stato un elenco ufficiale delle opere da completare.

Ad ogni modo verranno adottati interventi risolutivi a breve, ovvero entro 180 giorni dall’entrata in vigore della legge sullo Sblocca cantieri.

Grandi e piccole costruzioni interessate, eccone alcune

Una seconda data importante è il 31 dicembre 2020, entro allora infatti avverrà l’adozione di interventi prioritari aggiuntivi. Tra questi troviamo costruzioni grandi e piccole per esempio il Mose di Venezia, il sistema viario della Sicilia, o ancora tutte le opere contro il dissesto idrogeologico.

Si è parlato inoltre del sistema idrico del Gran Sasso e della rete di infrastrutture di ricarica dedicate ai veicoli alimentati ad energia elettrica. Sono stati forniti gli schemi introduttivi in largo anticipo, ma non si parla ancora di un elenco certo ed ufficiale. Bisognerà attendere un altro pò per sapere qualcosa di più. Intanto le prime buone notizie sembrano essere arrivate.