compensato marino
compensato marino

Utilizzato sia nel settore edile, ma soprattutto in ambito nautico, il compensato marino è un tipo di legno.

Grazie alle sue caratteristiche di resistenza alla salsedine ed all’umidità, oltre che ad una particolare robustezza e leggerezza, viene spesso impiegato durante le costruzioni di imbarcazioni, per valorizzare gli interni e rifinire gli spazi del natante.

struttura di una barca realizzata con il compensato marino
struttura di una barca realizzata con il compensato marino

Il compensato o multistrato marino è un materiale versatile, duttile e facilmente lavorabile. Viene ad altri materiali per il suo elevato standard qualitativo, per l’impatto estetico di grande valore aggiunto e per il vantaggio di equilibrare la trasmissione delle vibrazioni e del calore.

Compensato marino: le caratteristiche principali

Il compensato marino viene ricavato dai mogani africani, particolari tipi di legno pregiati, che vengono assemblati grazie ad una tecnica di incollaggio con colle fenoliche.

Non a caso è anche conosciuto nella nautica da diporto come multistrato marino costituito da una serie di fogli sottili o strati di “tranciati” assemblati con colle idrorepellenti assolutamente atossiche.

Pertanto, i pannelli di piallacci sono il risultato di una serie di fogli di legno, che incollati fra di loro, diventano un unico strato molto resistente.

L’elevata resistenza del compensato marino è la principale caratteristica più apprezzata che lo rendono assolutamente adeguato per applicazioni esterne.

L’utilizzo del compensato marino

Oltre che per gli arredamenti di imbarcazioni, il compensato marino può essere impiegato anche nelle abitazioni private, spesso per valorizzare l’arredamento bagno o la cucina.

È proprio in questi locali che i mobili sono a contatto con l’umidità, l’acqua e gli sbalzi di temperatura cagionati dalla cottura dei cibi e dalla temperatura dell’acqua della vasca o della doccia).

Grazie alle caratteristiche del compensato marino, i mobili ed ogni elemento di arredo vengono salvaguardati nel tempo, senza rischi di senescenza e di deterioramento.

La gradevolezza estetica e la versatilità del compensato marino fanno sì che questo materiale possa essere impiegato anche in situazioni differenti dall’uso comune, ovvero in location dove è presente l’acqua o dove si verifichino sbalzi di temperatura, ma in qualunque tipo di ambiente interno o esterno.
Per cui, lo troveremo spesso impiegato nel rivestimento esterno delle porte, sia blindate che da interno.

Leggi anche: Edilizia green: l’Italia verso la bioedilizia

Compensato marino: Quanto costa?

Essendo un tipo di legno pregiato, versatile, facilmente lavorabile e duttile, il compensato marino avrà anche un prezzo non particolarmente economico, anche se in base alle dimensioni e agli spessori, possiamo trovare soluzioni diverse con un buon rapporto qualità/prezzo.

pannelli di compensato marino
pannelli di compensato marino

Per esempio, lo spessore del multistrato marino può variare da pochi millimetri fino a 50 mm. Il prezzo al m2 varia dai 9 ai 27 euro, passando da spessori non superiori ai 10 mm fino a quelli di circa 30/40 mm.

In base anche alla tipologia del compensato marino, si possono trovare sul mercato anche prodotti e soluzioni a prezzi scontati e convenienti.

Dove acquistare il compensato marino?

Dove acquistare il compensato marino? Basta dare un’occhiata online per reperire diverse interessanti soluzioni in store specializzati del calibro di Leroy Merlin o di Bricoman.

All’interno dell’E-Store Leroy Merlin si possono trovare multistrati e pannelli di compensato marino in noce, in pioppo, in pino fenolico naturale, in betulla antiscivolo, etc.

Anche se il prezzo non sempre è concorrenziale. Spesso il compensato marino viene scelto per la sua ottima qualità, la resistenza nel tempo e per essere impiegato nella costruzione o nella ristrutturazione delle navi.

Per questo, acquistare un pannello di multistrato marino deve essere considerato un vero investimento di lungo termine.

La qualità del materiale assicura un ottimo rendimento degli arredamenti e consente il recupero in termini economici del capitale esborsato per ogni tipo di allestimento.

È bene evitare le soluzioni troppo economiche: in commercio si possono reperire diversi tipi di legno e di compensati marino, che a contatto con l’acqua tendono a gonfiarsi e a deformarsi.

Non sempre il processo tecnico di creazione del compensato marino viene rispettato perfettamente. Il consiglio per evitare fregature, è quello di affidarsi a grandi aziende leader nel settore della vendita, che offrono le migliori scelte per un allestimento di qualità.

Compensati marini: quali scegliere?

Le tavole di compensato marino sono spesso riconoscibili dal colore, oltre che dalla qualità al tatto. Sul mercato si può optare per multistrati in Okoumè, Mogano, Xiloflam, Pioppo, Pino, Betulla e Filmato.

Le diverse tonalità di colore, oltre che il tipo di levigatura esterna, consentono di poter scegliere le soluzioni esteticamente più adatte da applicare al tipo di arredamento.

Altro utilizzo di questo materiale, sono i rivestimenti delle porte, sia interne che esterne: queste ultime sono soggette all’umidità e, pertanto, risulteranno particolarmente resistenti.

Leroy Merlin, tenendo conto di queste esigenze, si è specializzato nella vendita di porte sia blindate che da camera, ed in tutte le versioni presenti presso i punti vendita, nella descrizione dei prodotti è facile trovare il compensato marino.

Inoltre, nei reparti dove si reperiscono i pannelli, è possibile trovare i ripiani da cucina in multistrato marino. Si tratta di veri e propri banchi da lavoro sui quali poter anche incassare il piano cottura, il lavello ed altri accessori che si reperiscono in cucina.

Le gocce d’acqua o il vapore non andranno a rovinare la base, grazie alle qualità del multistrato in legno pregiato.

In qualunque impiego si deciderà di utilizzare il compensato marino, è fondamentale che sia di ottima qualità e sia certificata l’assenza di sostanze tossiche.

Alcuni compensati vengono realizzati e lavorati con delle resine. Il pericolo è che con il tempo diffondono la formaldeide, una sostanza molto tossica, che respirata in ambienti chiusi può portare a malattie respiratorie.

Da diversi anni, i produttori sono obbligati ad usare materiali a norma, che non comportano il rischio di rilasciare sostanze nocive.

Considerazioni conclusive

Per scegliere il migliore compensato marino, è bene confrontare i vari preventivi, visto che sono disponibili in commercio diverse varietà di legno.

Un’azienda molto disponibile, che fornisce un servizio di ottima consulenza e manutenzione, è Bricoman, che propone una vera e propria vetrina virtuale.

Sull’E-Store si possono trovare tanti prodotti con diverse caratteristiche che permettono di valutare le dimensioni, lo spessore, il colore ed il tipo di legno usato per assemblare il pannello di compensato marino.

Ovviamente anche i vari prezzi sono indicati in modo trasparente sul sito, così da non avere particolari sorprese al momento dell’acquisto.

In conclusione, per assemblare un arredamento o accessori come porte o banchi da lavoro, è buon consiglio optare per il compensato marino di ottima qualità.

Materiale resistente all’acqua ed alla salsedine, robusto e adatto per assemblare e realizzare il prodotto finito.