Ecobonus 2018
Ecobonus 2018

Ecobonus 2018, dopo giorni di polemiche e discussioni sembrano essere stati ridefiniti i criteri tecnici da rispettare per far sì che gli interventi di riqualificazione energetica (esclusa ristrutturazione e messa in sicurezza sismica) rientrino nella richiesta delle detrazioni fiscali.

La novità di questi giorni riguarda i codici di tributo, ovvero, grazie al nuovo decreto, il beneficiario della detrazione potrà cedere il credito alle imprese o ai soggetti privati, la stessa cosa vale per il cessionario che potrà effettuare un’altra cessione.

I codici tributo da usare in F24 sono:

  • 6890 denominato Ecobonus con l’utilizzo in compensazione del credito ceduto ai sensi dell’art.14.
  • 6891 denominato Sismabonus con l’utilizzo in compensazione del credito ceduto ai sensi dell’art.16.

Ecobonus, massimali di costo e soggetti ammessi

Ecobonus ha fissato dei massimali specifici di costo per ogni intervento. Ecco le prestazioni e le installazioni ammesse:

  • caldaie e generatori di aria calda a condensazione tra 200 e i 250 euro/kW,
  • coibentazione in strutture opache verticali e orizzontali da 80 a 250 euro/m2,
  • collettori solari tra 600 e 1000 euro/m2,
  • finestre e infissi che vanno da 350 euro al m2 nelle zone climatiche A, B o C a 450 euro/m2 nelle zone climatiche D, E ed F,
  • installazione di sistemi domotici 25 euro/m2 con possibilità di detrazione su spesa minima,
  • isolamento copertura interna,
  • isolamento copertura esterna,
  • micro-generatori 1000 euro/kW,
  • pompe di calore di potenza termica inferiore a 35 kW, 650 euro/kW
  • pompe di calore di potenza termica superiore a 35 kW 750 euro/kW,
  • riqualificazione energetica da 500 euro/m2 nelle zone climatiche A, B e C a 575 euro/m2 nelle le zone climatiche D, E, F;,
  • scaldacqua a pompa di calore da 1000 a 1250 euro,
  • schermature solari 180 euro/m2.

Mentre per quanto riguarda i soggetti ammessi all’agevolazione si tratta di:

  • Persone fisiche, enti e soggetti che richiedono interventi a edifici già esistenti, anche rurali.
  • Titolari di reddito d’impresa, che richiedono interventi su immobili detenuti.
  • Istituti autonomi per case popolari, per migliorare la prestazione energetica di immobili propri, gestiti da terzi.
  • Cooperative di abitazione con proprietà indivisa assegnati in godimento a soci.
Condividi
Articolo precedenteRinvio scadenza indagini sismiche nelle scuole
Articolo successivoExtra incentivo per smantellamento amianto, decreto rinnovabilità
Sicula doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari. Gli vengono riconosciute capacità intuitive