Detrazione per ristrutturazione

La detrazione per ristrutturazione può non essere concessa in alcuni casi,  e questi sono stati indicati e specificati da una guida che è stata diffusa direttamente dall’Agenzia delle Entrate, con la quale sono stati chiariti alcuni dubbi in merito.

Ecco, quindi, i casi di mancata concessione della detrazione per ristrutturazione.

Detrazione per ristrutturazione, quando si può perdere il diritto

I casi nei quali la detrazione per ristrutturazione potrebbe non essere concessa sono sicuramente i seguenti:

  • Pagamenti non regolamentari

La detrazione si potrà ottenere solamente nel caso in cui il pagamento per la ristrutturazione sia avvenuto tramite bonifico, e solo qualora per tali pagamenti siano state rispettate alcune regole, come l’indicazione della partita Iva del beneficiario del bonifico, del suo codice fiscale e così via.

Allo stesso modo, la ricevuta dei lavori dovrà essere stata intestata allo stesso soggetto che effettuerà la richiesta di detrazione.

Quindi, i difetti di compilazione del bonifico possono inficiare la concessione della detrazione.

  • Violazione delle norme sulla sicurezza

Se nella realizzazione dei lavori di ristrutturazione vi siano state comprovate violazioni delle norme sulla sicurezza, non sarà possibile ottenere la detrazione stessa.

  • Mancato rispetto delle leggi

Le detrazioni per ristrutturazione, ovviamente, vengono concesse solamente nel caso in cui gli interventi eseguiti rientrino nelle casistiche previste dalla legge, e solo nel caso in cui tutte le disposizioni previste siano rispettate.

  • Mancata comunicazione all’Asl

Nei casi in cui la legge lo preveda, per ottenere la detrazione sarà necessaria la previa dichiarazione all’Asl competente, mancando la quale i benefici non potranno essere concessi.