Decorare il proprio soffitto utilizzando un rosone in polistirolo può essere davvero un’ottima idea, grazie alla quale coniugare la praticità offerta da questo materiale, con il risultato finale che si potrà ottenere.

Il rosone in polistirolo sarà, in particolare, migliore rispetto a quelli in gesso e in altri materiali, in quanto esso è molto più leggero di quelli utilizzati dai professionisti e dai decoratori. Potrete, così, applicarlo con meno rischi a livello di cadute e di rotture.

La scelta del rosone

Scegliere il rosone giusto per il proprio soffitto è fondamentale. Per capire dove potrebbe essere posizionato dovrete dividere la vostra camera, a livello di metratura, in 7 parti uguali. In questo modo avrete l’indicazione di un diametro generale per il vostro rosone.

Inoltre, nel caso in cui vogliate installare anche un lampadario sarebbe buona norma scegliere un rosone che abbia all’incirca il medesimo diametro del lampadario stesso.

Inoltre, nel caso in cui non sia fornito di questa caratteristica, dovrete effettuare un foro al centro del rosone per far passare in esso i cavi per collegare il vostro lampadario.

Un tempo, infatti, i rosoni venivano utilizzati per proteggere il soffitto vero e proprio dalle bruciature che potevano essere provocate dalle candele, le quali venivano usate al posto delle attuali lampadine.

Come applicare il rosone

A questo punto, dopo aver preso le misure corrette per l’applicazione del vostro rosone, dovrete acquistare il pezzo e dovrete anche dotarvi di alcuni attrezzi, tra cui sicuramente una scala, un trapano e anche di una colla molto resistente che potrete usare per fissare al soffitto il rosone.

Iniziate a porre la colla sulla parte posteriore del rosone, cioè su quella che dovrà effettivamente essere attaccata al soffitto. A questo punto, attaccate il rosone e fatelo aderire perfettamente alla muratura. Per consentire alla colla di fissarsi in modo perfetto usate del nastro di carta per mantenere premuto il rosone al soffitto.

Poi, prendete dei chiodini con una testa di minime dimensioni e passate ad inchiodare il rosone al soffitto. Il trapano vi servirà proprio per fare l’eventuale buco al centro del rosone per il passaggio dei cavi dell’elettricità.

Attendete, a questo punto, che la colla si asciughi perfettamente: in genere ci potrà impiegare dalle 2 alle 4 ore a seconda del tipo di colla e anche del soffitto e delle sue condizioni.

Dopo aver constatato l’aderenza del rosone al soffitto potrete coprire i buchini lasciati dai chiodi con dello stucco che sia dello stesso colore del rosone. Attendete, anche in questo caso, che lo stucco si asciughi completamente e poi rimuovete con della carta vetro gli eccessi.

A questo punto potrete passare alla decorazione. Potrete dipingere semplicemente di bianco il vostro elemento decorativo, avendo sempre l’accortezza di scegliere una vernice che sia effettivamente adatta al polistirolo.

Potrete anche decidere di colorare il vostro rosone: in questo caso dovrete fare attenzione a non sporcare il soffitto e potrete usare, quindi, un piccolo pennello per ricoprire il polistirolo, sempre con un tipo di vernice appositamente creata per il polistirolo.

 

 

Condividi
Articolo precedenteMode e tendenze delle decorazioni di pasqua 2018
Articolo successivoIllecito edilizio, può venire meno?
Sicula doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari. Gli vengono riconosciute capacità intuitive

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome