RSPP

Esistono figure all’interno delle aziende che sono preposte a svolgere compiti legati soprattutto alla sicurezza dei lavoratori. Una di queste è sicuramente il Responsabile del Servizio di prevenzione e Protezione, che viene più spesso indicato con la sigla di RSPP.

L’ RSPP è quella figura prevista dal decreto legislativo 81 del 2008, quello che viene chiamato Testo Unico sulla Salute e Sicurezza sul lavoro, che si occupa di mantenere intatte le misure di sicurezza in azienda e anche di collaborare con molte figure differenti allo scopo di prevenire gli infortuni e tutti gli incidenti che si potrebbero verificare sul posto di lavoro.

La designazione dell’RSPP viene effettuata direttamente dal datore di lavoro, anche perché, sempre secondo le disposizioni di legge, tra i due soggetti i dovrà instaurare un rapporto di fiducia davvero importante e profondo.

I compiti dell’RSPP

L’RSPP secondo la legge avrà differenti compiti, che lo porteranno, in generale, ad aiutare i lavoratori a poter svolgere con maggiore serenità le proprie attività professionali, non dovendosi preoccupare della necessità di controllare che la sicurezza sia assicurata correttamente.

Innanzitutto il RSPP opera nei confronti del datore di lavoro: si occupa di osservare che cosa accade in azienda e riferisce al datore tutti gli adempimenti che, secondo le sue conoscenze tecniche, potranno essere necessari per mantenere intatta la sicurezza nel luogo di lavoro.

L’RSPP lavora anche in collaborazione con il Medico Competente, altra figura importante all’interno dell’azienda. In questo senso, il Responsabile si occuperà di identificare quali siano le mansioni aziendali che più potrebbero richiedere la sorveglianza e anche l’intervento dello stesso medico allo scopo di evitare che i lavoratori si ammalino o possano vedere un peggioramento della propria salute a causa del tipo di lavoro svolto.

L’RSPP collabora anche con il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, sia durante le riunioni periodiche sia in generale, per poter sempre individuare i punti critici dell’attività aziendale e intervenire quando sia necessario.

Le mansioni concrete dell’ RSPP

A livello ancora più concreto sarà possibile individuare quali siano le mansioni effettive del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione aziendale.

Innanzitutto, l’RSPP si occupa di individuare e valutare i rischi presenti nell’ambito lavorativo e nei diversi reparti: dall’utilizzo dei macchinari, all’esposizione a sostanze tossiche, sino all’utilizzo di videoterminali che, sempre di più, sono sottoposti alla vigilanza qualora vengano utilizzati per l’attività lavorativa a livello continuativo.

Inoltre, si occupa di individuare, elaborare e anche controllare le misure per la prevenzione e la protezione dei lavoratori. Potrà individuarle in concreto, collaborando con il datore di lavoro, e dovrà anche controllare che queste siano adeguate e che, soprattutto, vengano utilizzate dai lavoratori.

Si occuperà anche di elaborare le diverse procedure di sicurezza e di proporre i programmi per la formazione dei lavoratori e per mantenere questi informati in merito ai comportamenti che si dovranno tenere per lavorare sempre in modo sicuro.

Parteciperà anche alle riunioni periodiche e a tutte le consultazioni, interne ed esterne, relative alla sicurezza e sarà, infine, un soggetto che potrà costituire un punto di riferimento per tutti i lavoratori che abbiano dubbi e che vogliano parlare di problemi legati alla sicurezza.

 

 

Condividi
Articolo precedenteOrdine di demolizione, quando è in conflitto con il sequestro?
Articolo successivoBoffi cucine: catalogo e modelli 2017
Sicula doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari. Gli vengono riconosciute capacità intuitive