Una serratura bloccata può essere un grande grattacapo, soprattutto nel caso in cui questa impedisca di passare da una stanza all’altra o, ancora peggio, non consenta più di entrare in casa. Sbloccare una serratura sarà, quindi, un’operazione che molte persone dovranno eseguire allo scopo di poter riutilizzare una porta o anche un armadietto o qualsiasi altro tipo di elemento che sia chiuso a chiave.

Il blocco della serratura può essere provocato da diversi fattori: dallo sporco, alla ruggine, sino ad un “invecchiamento” degli ingranaggi che possono non essere più così fluidi come un tempo. Per questo motivo si potranno mettere in atto strategie differenti, a seconda del problema che si trovi alla base del disguido.

Sbloccare una serratura con i lubrificanti

Uno dei sistemi più utilizzati per sbloccare una serratura è sicuramente costituito dall’utilizzo di lubrificanti. Questi possono essere costituiti da una base di olio oppure da altri materiali sintetici, come la grafite, in grado di consentire alla serratura di funzionare nuovamente e anche di ripulirsi dall’eventuale sporcizia in eccesso.

Gli spray lubrificanti potranno essere usati direttamente nella serratura e dovranno essere spruzzati abbondantemente, soprattutto nel caso in cui la serratura sia bloccata in modo piuttosto incisivo. Dopo aver spruzzato il lubrificante lo si farà agire qualche minuto e poi si potrà iniziare ad inserire delicatamente la chiave, in modo da provare a sbloccare la serratura.

Non si dovrà forzare troppo, in modo da non peggiorare ulteriormente la situazione: si dovrà agire con prudenza e anche con fermezza, senza arrivare a bloccare ancora di più la serratura che non voglia “collaborare”. Nel caso in cui non si riesca a sbloccare la serratura in questo modo si potrebbe pensare ad un problema meccanico più che ad uno semplicemente legato alla sporcizia.

Sbloccare una serratura con problemi meccanici

Nel caso in cui i problemi che causano il blocco siano di tipo meccanico, si potrebbe trattare di alterazioni relative agli ingranaggi interni della serratura. Questi potrebbero essersi fermati nella così detta posizione del salto di mappa, non consentendo alla chiave di girare correttamente.

In questo caso dovrete agire meccanicamente per poter recuperare la funzionalità della serratura stessa. Bisognerà iniziare con l’incisione della lamiera nella quale sia stata inserita la chiave: questo si potrà fare con un oggetto appuntito, come ad esempio un cacciavite. In particolare, dovrete fare l’incisione in corrispondenza del righino che si trova in rilievo e che si trova sull’estremità dentellata della vostra chiave. Dopo l’incisione potrete cercare di tirare fuori la chiave dalla serratura.

Nel caso delle porte blindate il problema potrebbe essere molto più difficile da risolvere, in quanto i suoi ingranaggi sono complessi e si potrebbero bloccare per cause diverse. Qualora non riusciate a sbloccare la serratura blindata, allora dovrete ricorrere ad un fabbro e richiedere il servizio di sostituzione serrature Milano.

Nel caso in cui, invece, la vostra serratura sia definitivamente rotta e, ad esempio, giri a vuoto oppure dimostri dei problemi più gravi del semplice blocco all’inserimento della chiave, allora dovrete probabilmente sostituire la serratura. Potrete farlo voi, nel caso di semplici serrature, oppure dovrete rivolgervi ad un fabbro qualora si tratti di porte blindate oppure facciate riferimento ad una serratura complessa.

Maggiori info su: www.sostituzioneserrature.milano.it