Abusi edilizi

Abusi edilizi, qualora il comune dovesse ordinare la demolizione di un immobile verrebbero chiamati in causa committente, progettista, professionista che hanno diretto i lavori.

Abusi edilizi, un cancro da estirpare

Gli abusi edilizi sono un cancro per la società, in Italia sono troppe le opere pubbliche private costruite abusivamente. Secondo quanto è stato dieciso e dichiarato dalla Corte di Cassazione il progettista ed il direttore dei lavori rispondono della conformità del progetto.

In poche parole, qualora dovessero esserci interventi abusivi, la responsabilità sarebbe più che altro del Professionista che ha il compito di controllare. Perchè? Perché gli abusi edilizi e tutto ciò che viene realizzato in maniera illecita non può ricadere sul committente.

Il committente di norma si rivolge a professionisti proprio perchè non ha gli strumenti adatti per comprendere e percepire gli errori. Non avendo la giusta conoscenza in materia può non rendersi conto della costruzione o di opere illegali.

Questo non è valido però nel caso in cui tra il committente ed il professionista fosse avvenuto un accordo illegale. Ad ogni modo chi si occupa di progetti e quant’altro dovrà necessariamente denunciare in modo tale da poter applicare le corrette leggi.

Condividi
Articolo precedenteSismabonus, bonus anche con contratto di permuta
Articolo successivoCondono edilizio, la Regione ha diritti?
Sicula doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari. Gli vengono riconosciute capacità intuitive